• Home
  • Revue M@gm@
  • Cahiers M@gm@
  • Portail Analyse Qualitative
  • Forum Analyse Qualitative
  • Advertising
  • Accès Réservé


  •  

    CONTRIBUTIONS DANS DIFFÉRENTS DOMAINES THÉMATIQUES

    M@gm@ vol.5 n.3 Juillet-Septembre 2007

    • Editorial

      Augusto Debernardi

      Stupore e ingenuità, assurdità ed egotismo, stupidità e intelligenza, filia e carità, bontà e benevolenza e tantissime altre cose belle, bellissime come l’amore che fanno della vita una o la dignità della stessa, vivono perché non sono contabilizzate, come quelle azioni del volontariato sociale, culturale, sportivo ... Ma è difficile per chi osserva, per chi vuole redimere, per chi è “già contabilizzato” e contabilizzante percepire il diverso e la diversità che “è”, che “sono”. Esse rompono il quadro, il potere stesso che non c’è senza scambio contabile senza numerario. Difficile dare a Cesare quel che è suo … per non dire a Dio.

    • ANALISI ED ESPERIENZE

      Augusto Debernardi

      Chi lavora e si muove nella sfera dei “servizi” ha l'occasione di vedere, incontrare, scambiare con molte donne. Il luogo comune è che i servizi a bassa soglia siano i primi a diventare dominio lavorativo delle donne. Dall’area educativa a quella assistenziale fino a quella sanitaria dove, in molti campi, la technè ha meno pregnanza, dove la relazione terapeutica sembra contare di più che le applicazioni tecniche, chimiche, contenitive hard.

    • Raffaele Crescenzo

      E’ opportuno sottolineare che la malattia di un familiare, con tutti i risvolti psicologici ed emozionali, colpisce principalmente il “caregiver” (supporter), cioè una “persona attorno alla quale, sostenendola e potenziandola, si può costruire una sorta di “impalcatura psicologica” in grado di sostenere il peso della situazione e ridistribuirlo emotivamente, compensato, agli altri componenti del nucleo (Andreoni B. et alt.2000). Se la malattia si protrae molto a lungo, subentra, ad un certo punto, quasi immancabilmente, la crisi del caregiver.

    • Sergio Straface

      L’ambizione di un contributo etnologico, specie se si tratta dell’oggettivazione di una festa popolare, può spesso risiedere nell’aspirazione di scorporare dalla sequenza celebrativa la specifica esperienza etnografica, presentandola in un montaggio espositivo che non trascuri l’auspicabile compattamento tra l’apparato teorico, il discorso etnografico e la pratica critica.

    • Evrard Renaud

      Gli ultimi due decenni hanno visto nascere una disciplina nuova: l'accoglienza e il sostegno psicologico delle persone che vivono esperienze eccezionali. Avere l'impressione di vivere in una casa abitata, testimoniare l’apparizione di OVNI, interrogarsi sulle possibilità di influenze telepatiche o anche conservare per sé la sensazione irreale di uscire “fuori dal corpo”, sono alcuni esempi di ciò che provano queste persone. L'eterogeneità di queste testimonianze le classifica spesso nella categoria delle "esperienze vissute come paranormali". Se tali resoconti sono sempre pervenuti agli esperti, si deve ai recenti lavori di ripristino dell'ascolto di queste persone.

    • Ilaria Bellavia

      Obiettivo di questo lavoro è quello di fornire le principali linee di orientamento teorico dell’approccio psicodinamico relative alla funzione del sogno. In tal senso ci si avvarrà della metapsicologia Freudiana, ma anche dei prestigiosi contributi sul carattere del sogno portati da Wilma Bucci. In particolare, si proporrà un parallelismo tra la metapsicologia e la teoria del Codice Multiplo. La teoria energetica di derivazione psicoanalitica mette in risalto alcuni punti cardine sul ruolo del sogno: 1) il sogno deriva dall’energia di un desiderio inconscio; 2) i sogni hanno la funzione di preservare il sonno; 3) la nozione di un censore che si attiva per distorcere e mascherare i contenuti latenti; 4) i contenuti manifesti hanno la funzione di nascondere il reale significato del sogno. Secondo la teoria del codice multiplo, il sogno ha un valore là dove fornisce l’accesso al significato emotivo che è stato dissociato, ma la funzione dell’elaborazione dell’informazione emotiva nel sogno è sovrapponibile a quella dell’elaborazione dell’informazione emotiva durante la veglia, in particolare per quanto riguarda il sonno REM.

    • Gevisa La Rocca

      La prima apparizione dei software per l’analisi qualitativa si è avuta all’inizio degli anni Sessanta, ma è stato soltanto intorno alla metà del 1980 che questi strumenti hanno preso piede e si sono affermati nelle comunità scientifiche. Di lì a poco, il rapido diffondersi delle nuove tecnologie e la comparsa dei personal computer ne avrebbe garantito una capillare diffusione ed un uso sempre maggiore all’interno delle comunità accademiche e non.

    • RECENSIONI E SCHEDE BIBLIOGRAFICHE

      Danila Allegra

      Atelier dell’immaginario autobiografico è un’opera d’arte portata a compimento da persone che sono riuscite a cogliere l’immaginario che vive e muta dentro di loro; quell’immaginario che si evolve nello stesso momento in cui si trasforma il mondo interiore ed occorre che le nuove immagini vengano sempre considerate come realtà nascenti. E’ necessario entrare nella storia confrontandosi con gli elementi che vi appaiono, senza la distanza che potrebbe porvi chi osserva e giudica con gli strumenti della ragione. La storia esistenziale di ciascuno è unica ed irripetibile in quanto è proprio l’immaginario ad essere in grado di liberare la verità nascosta dentro di noi, di mettere a nudo la nostra essenza creando un’opera d’arte che sia proprio la nostra vita, commistione di razionale ed irrazionale, sublimazione dell’amata follia.

    • Fabio Sciarretta

      Questo volume propone diverse modalità e approcci per utilizzare la scrittura e la lettura all’interno di scuole, corsi di scrittura creativa, laboratori di animazione socioculturale, percorsi di educazione interculturale e di orientamento attraverso la metodologia narrativa, ma anche, attraverso la pratica della lettura ad alta voce, all’interno della famiglia e di gruppi informali. Il libro si fonda sull’idea che la lettura e la scrittura di testi creativi abbiano un forte valore educativo, in quanto contribuiscono allo sviluppo delle competenze trasversali o di quelle che vengono definite competenze per la vita (life skills), attraverso l’utilizzo consapevole del cosiddetto pensiero narrativo e di abilità ermeneutiche rispetto alla conoscenza di sé e degli altri, all’attribuzione di significato agli eventi e alla costruzione di senso.

    • Fabio Sciarretta

      Il volume nasce da un percorso di progettazione partecipata condotto da una rete provinciale di scuole di ogni ordine e grado, le quali hanno scelto di assumersi la responsabilità di esercitare un ruolo attivo nel fronteggiamento dei problemi educativi posti dalla società postmoderna e globalizzata. L’educazione interculturale si prospetta dunque come la risposta più avanzata rispetto alle modificazioni sociali nazionali, europee e mondiali e alla conseguente domanda di istruzione e formazione di ogni persona e della collettività. Essa non è la risposta ad un’emergenza legata ai fenomeni migratori, quanto semmai l’occasione di promuovere una convivenza basata sulla cooperazione, lo scambio, l’accettazione produttiva delle diversità come valori e opportunità di crescita democratica. Ogni scuola - questa è la tesi di fondo del volume - è chiamata a divenire un laboratorio ove si apprende a convivere costruttivamente con le differenze sperimentando nel concreto la cittadinanza planetaria.

    • Guido Veronese

      Cecilia Edelstein presenta al pubblico italiano il primo volume sistematico e completo sul counseling sistemico, inquadrandolo nei suoi sviluppi storici e socio-culturali, nei suoi riferimenti teorici ed epistemologici, per arrivare a definire un modello pluralista di counseling che, traendo le sue origini dalla terapia familiare e dal pensiero sistemico nelle sue varie declinazioni, rivela le proprie potenzialità in un'ampia varietà di contesti. In questo modello, le abilità comunicative - non solo vergali - vengono a essere il motore del processo evolutivo che porterà il cliente a essere protagonista attivo del cambiamento all'interno del proprio contesto di vita e di relazioni. Completano il volume le esperienze di professionisti che lavorano nei diversi ambiti del counseling, che offrono al lettore una ricca panoramica sulle possibilità della sua applicazione, ampliando gli orizzonti della relazione di aiuto.

    • Augusto Debernardi

      Un’ottima maniera per impostare un libro che sicuramente farà scuola nelle riunioni “formative” dei manager e che si collocherà in bella mostra nelle loro biblioteche. Ed a ragione. Intanto si osserva come le discipline psico-sociologiche, manipolate acutamente ed intelligentemente dal filone pragmatista anglosassone di marca statunitense, siano state ben utilizzate da tale corrente di pensiero applicata al successo imprenditoriale. Mentre, invece, non lo siano stato affatto usate allo stesso modo dalla politica nostrana. Sarà per questo che Illy si approccia alla politica, di cui è diventato emblema novatore, con un atteggiamento di “prestito” che lascia sempre le porte aperta alla via di rientro.

    Collection Cahiers M@GM@


    Volumes publiés

    www.quaderni.analisiqualitativa.com

    DOAJ Content


    M@gm@ ISSN 1721-9809
    Indexed DOAJ by 2022

    Directory of Open Access Journals »



    newsletter subscription

    www.analisiqualitativa.com