• Home
  • Rivista M@gm@
  • Quaderni M@gm@
  • Portale Analisi Qualitativa
  • Forum Analisi Qualitativa
  • Advertising
  • Accesso Riservato


  • Contributi su aree tematiche differenti
    M@gm@ vol.3 n.4 Ottobre-Dicembre 2005

    MANUALE PER ORIENTATORI: METODI E SCENARI PER L'EMPOWERMENT PERSONALE E PROFESSIONALE


    (Federico Batini, a cura di, Manuale per orientatori, Trento, Erickson, 2005)

    Andrea Paolini

    direzione@pratika.net

    Nella discussione degli addetti ai lavori, ma, da alcuni anni, anche al di fuori della stretta cerchia da questi rappresentata l’orientamento assume, sempre di più, una collocazione centrale in una società che ha perso le caratteristiche di stabilità e di prevedibilità che la governavano soltanto sino a pochi anni fa. Per questo si avverte, con sempre maggiore cogenza, la necessità di operatori preparati e che condividano metodologie, tecniche e strumenti, pratiche professionali e riferimenti teorici. Da qualche anno si postulava la necessità di un testo manualistico sull’orientamento che si proponesse al contempo come strumento utile per gli operatori (a qualsiasi titolo) e come punto fermo sul quale avviare discussioni e confronti per un work in progress.

    Edito nel maggio 2005 da Erickson nella collana “Guide per l’educazione”, il Manuale per orientatori curato da Federico Batini, noto agli addetti ai lavori come ideatore della metodologia dell’orientamento narrativo, esce allora come novità assoluta nel panorama editoriale italiano: un testo manualistico pensato sia per coloro che si avvicinano alla professione di orientatori, sia per coloro che hanno, all’interno della propria professione, esigenza di sviluppare competenze orientative (come gli insegnanti) sia per coloro, infine, che, già ricchi di esperienza professionale, nel settore specifico, avvertono il desiderio di sistematizzare tecniche e metodologie per aumentare la propria efficacia e la propria preparazione.

    In questo volume vengono ospitati: un inquadramento teorico generale, una serie di capitoli che delineano accuratamente strumenti, metodologie ed esperienze indispensabili al bagaglio professionale di un orientatore ed, infine, alcune esperienze. Il volume, infatti, dopo l’introduzione di Aureliana Alberici che situa l’orientamento in una dimensione longlife e lifewide, si apre con un primo nucleo di interventi (Anna Grimaldi - Andrea Spini - Bruno Rossi e Loretta Fabbri - Simonetta Michelotti) ed è teso a delineare la collocazione storico-teorica del concetto di orientamento, evidenziandone le trasformazioni, le tensioni future e collocandolo, appunto, in una prospettiva longlife filiata dalle nuove esigenze e committenze sociali, dalle nuove dinamiche del mercato del lavoro, dall’emergenza di nuovi paradigmi. In questa parte si afferma, anche con forza, l’importanza del concetto di competenza nei sistemi di istruzione e formazione, oltre che porre in risalto l’attenzione che le scienze dell’educazione stanno rivolgendo all’orientamento medesimo, al fine di assegnargli una fondamentale funzione educativo-formativa, leggendo come superate le funzioni informativo prescrittive.

    Il nucleo centrale del manuale (nei contributi di Batini - Giusti- Zaccaria - Falsini - Salis - Giaconi - Evangelista) introduce quindi ai metodi, agli strumenti e alle risorse che sono parte non trascurabile della professione, tra cui: l’ascolto, il colloquio, il bilancio delle competenze, il progetto professionale, l’orientamento narrativo, le tecniche attive di ricerca del lavoro, il rapporto tra nuove tecnologie ed orientamento, la dimensione gruppale in orientamento, etc… Ogni capitolo è poi dotato di indicazioni bibliografiche utili all’approfondimento dei singoli temi e di una ricca appendice di schede che consentono l’immediata traduzione in pratica professionale di quanto appreso. Questo nucleo centrale è il frutto di un “laboratorio” costituito dall’esperienza didattica di Pratika e di Thélème che ormai da alcuni anni rappresentano due delle realtà più significative nella formazione degli orientatori.

    Nella terza parte, conclusiva, è presentato il tema delle “esperienze” in una duplice accezione: quelle relative all’applicazione pratica delle metodologie in determinati contesti operativi, e quelle relative all’attività degli orientatori nel più ampio panorama europeo. Il “Manuale per orientatori” viene quindi a definirsi come un ottimo testo, innovativo, dalla struttura logica efficace, chiara e comprensibile ed a buon livello di profondità (con un buon apparato biblio e sito-grafico per l’approfondimento) per quanto può consentirlo un testo manualistico.

    Questo testo rappresenta senza dubbio un punto di snodo fondamentale per la letteratura italiana sull’orientamento del quale da tempo si avvertiva il bisogno.

    SCHEDA BIBLIOGRAFICA

    [ Federico Batini, a cura di / Manuale per orientatori: metodi e scenari per l’empowerment personale e professionale, Trento, Erickson, 2005 ]

    Contenuti:

    - Il tempo del paradosso, della contraddizione, dell’ossimoro - Orientarsi lungo il corso dell’esistenza
    - Pedagogia e didattica dell’orientamento
    - Verso la società della conoscenza: diamo credo alla competenza
    - Verso un sistema di orientamento

    Strumenti, metodi, tecniche e risorse:

    - L’ascolto
    - Il colloquio in orientamento
    - La simulazione in orientamento
    - Il bilancio delle competenze
    - Tecniche di ricerca del lavoro
    - Internet per l’orientamento
    - La formazione degli orientatori: esperienze



    newsletter subscription

    www.analisiqualitativa.com