• Home
  • Rivista M@gm@
  • Quaderni M@gm@
  • Portale Analisi Qualitativa
  • Forum Analisi Qualitativa
  • Advertising
  • Accesso Riservato


  • Contributi su aree tematiche differenti
    M@gm@ vol.2 n.2 Aprile-Giugno 2004

    COMUNIT└ DI APPRENDIMENTO: UN NUOVO MODO DI IMPARARE


    (Federico Batini e Andrea Fontana, a cura di, introduzione di Giuseppe Varchetta, ComunitÓ di apprendimento: un nuovo modo di imparare, Arezzo, Editrice Zona, Collana Sinergika, 2003)

    Leonardo Lambruschini

    direzione@pratika.net

    ComunitÓ d'apprendimento Ŕ un volume che attrae, giÓ dal titolo, giÓ dal formato, agile, elegante.
    La letteratura e la pubblicistica sull'apprendimento in questi ultimi anni hanno, con forza, insistito sulle modalitÓ cooperative e comunitarie di apprendimento, quasi un ritorno a modalitÓ originarie.
    ComunitÓ d'apprendimento Ŕ per˛ un volume non semplicissimo: terzo della collana Sinergika (nome significativo anche in relazione a questo testo) dedicata alla formazione, all'orientamento, alla consulenza; Sinergika Ŕ una collana che, ad oggi, ha visto pubblicare, infatti, i volumi Foto dal Futuro e La scuola che voglio, testi nati in relazione all'orientamento narrativo il primo, al disagio ed alla dispersione scolastica il secondo, testi di feconda consultazione per chi voglia operare nel mondo della formazione e dell'orientamento, ma anche ricchi e dotati di analisi di esperienze e di strumenti.

    In questa linea "ComunitÓ d'apprendimento" trova un terreno fertile, questo Ŕ un testo che raccoglie e sintetizza originalmente le ultime esperienze teorico-pratiche nel campo della formazione, della sociologia delle organizzazioni, dell'educazione degli adulti e della psicologia del lavoro.

    Il volume, scritto a quattro mani da Federico Batini ed Andrea Fontana, si presenta a metÓ tra saggio e manuale per quanti sentano la necessitÓ di comprendere meglio se stessi all'interno di una comunitÓ, sia essa professionale o meno, per quanti sentano, comunque, il bisogno di mettersi sempre in discussione dal punto di vista professionale: il volume ha una duplice luce, una luce organizzativa-professionale ed una luce scientifica, questo peculiare risultato deriva dal fatto che i due autori combinano le proprie esperienze di orientamento, di consulenza e formazione vissute, in entrambi i casi, sia in accademia sia sul campo. Si tratta, infatti, di due giovani (ma giÓ affermati da alcuni anni) studiosi che combinano ad un'esperienza professionale, legata a migliaia di ore trascorse a contatto con le pi¨ svariate comunitÓ in formazione (elemento che trasparisce dalle teorie elaborate), un'esperienza accademica e di studiosi capaci di contaminazioni disciplinari.

    Il saggio s'incentra nel proporre un'idea alternativa, a quella, quanto meno fuorviante, maturata in Italia in secoli di processo pedagogico, che l'apprendimento, la formazione ed il processo educativo devono essere esclusivamente frutto delle esperienze del singolo ed essenzialmente appannaggio di un'elaborazione personale, risultato di una crescita individuale. In ComunitÓ di apprendimento, a questo indubbio pilastro si salda il concetto, maturato soprattutto in altri Paesi, che apprendimento e comunitÓ possano procedere parallelamente, anzi che si rinforzino reciprocamente e che nella comunitÓ e nella socializzazione degli apprendimenti, nella reciprocitÓ e contaminazione delle esperienze si rafforza e si arricchisce quanto Ŕ avvenuto al livello individuale.
    La formazione, quindi, Ŕ vista, nel saggio, come crescita cooperativa e reciproca tra gli individui componenti un gruppo, una struttura lavorativa, una classe scolastica, una comunitÓ costruita ad hoc, una comunitÓ di apprendimento appunto.
    Il lettore che provasse, infatti, ad immaginare la societÓ che ci circonda come una stanza e, all'interno di questa, provasse a collocare un avvocato, un medico, un ingegnere, un educatore, un'infermiera, un commercialista, un architetto, un manager, una colf, un magistrato, capirebbe, come, ad oggi, tutte le competenze necessitino di formazione continua e come queste trovino sempre pi¨ all'interno della comunitÓ la possibilitÓ di mescolare, fecondare reciprocamente le competenze.

    Il libro non si propone di parlare di lavoro, ma tenta di far capire come i lavori che si pluralizzano e si diversificano nella postmodernitÓ, nei nostri tempi fatti di molte appartenenze e cambiamenti ricorrenti, si possano relazionare in modalitÓ differenti da quelle attuali e come i soggetti possano diventare protagonisti dei propri processi di apprendimento. E' proprio una di queste modalitÓ, che Ŕ stata chiamata comunitÓ d'apprendimento, ad essere al centro dell'interesse del volume che Ŕ, sý, un libro per addetti ai lavori, ma anche un testo per quanti, pi¨ semplicemente, sentano in sÚ, la necessitÓ di una vita fatta di formazione continua ... e di comunitÓ. Interessante, in conclusione, anche l'appendice bibliografica curata da Gloria Capecchi. Un libro da non perdere per chi s'interessa di apprendimento, di organizzazioni, ma anche per chi si occupa di educazione e/o formazione.


    SCHEDA BIBLIOGRAFICA

    [ Federico Batini e Andrea Fontana / a cura di, introduzione di Giuseppe Varchetta
    ComunitÓ di apprendimento: un nuovo modo di imparare,
    Arezzo, Editrice Zona, Collana Sinergika, 2003]

    ComunitÓ di apprendimento
    Il nuovo modo di imparare per i soggetti e le organizzazioni, il rinnovamento radicale delle pratiche professionali e di apprendimento reciproco e cooperativo


    Dopo quattro anni di riflessioni (cfr. bibliografia) finalmente Federico Batini ed Andrea Fontana liberano "ComunitÓ di apprendimento". Annunciato la prima volta nel 2000, poi previsto nel 2001 e successivamente nel 2002, il libro ha conosciuto profonde riscritture e rimaneggiamenti vedendo finalmente, tra poco, a fine marzo 2003, la luce. La teoria e la pratica delle comunitÓ di apprendimento rinnovano radicalmente, anticipando i tempi (il nucleo della teoria Ŕ stato elaborato prima del 1999), il modo di apprendere raccogliendo e sintetizzando in modo originale, quelle che erano le prime esperienze in rete e nelle pratiche professionali le esperienze pi¨ originali ed avanzate di apprendimento cooperativo e reciproco.

    La teoria e la pratica delle "comunitÓ di apprendimento", ci˛ che segue le "comunitÓ di pratica", rinnova nel nostro Paese, anticipando modalitÓ e tempi altrove giÓ diffusi, il modo di apprendere degli individui, dei gruppi e delle organizzazioni sia nel mondo profit che no profit. Il volume raccoglie e sintetizza in modo originale, le ultime teorie ed esperienze nel campo delle scienze della formazione, della sociologia delle organizzazioni e della psicologia del lavoro, prendendo in particolare considerazione le azioni concrete e i modi operativi con cui le comunitÓ di apprendimento possono vedere luce, svilupparsi e terminare.

    Bibliografia specifica sulle comunita' di apprendimento

    BATINI F. (2002), "Appunti sulla pratica professionale:Prime riflessioni", in: Rivista dell'istruzione, n. 2 marzo-aprile, Maggioli, Rimini.
    BATINI F. (2001), "Le comunitÓ professionali verso le comunitÓ di apprendimento", in: L. Fabbri, B. Rossi (a cura di), La formazione del sÚ professionale, Guerini, Milano.
    BATINI F. (2001), "Le comunitÓ di apprendimento: storia condivisa, tra soggettivitÓ e professionalitÓ", in: A. Fontana (a cura di), Lavorare con la conoscenza, Guerini, Milano.
    BATINI F., FONTANA A. (2000), "Valutazione e comunitÓ di apprendimento", in: Rivista dell'istruzione, n. 4 luglio-agosto, Maggioli, Rimini.
    BATINI F., FONTANA A. (2000), "Verso le comunitÓ di apprendimento", in: Rivista dell'istruzione, n. 2 marzo-aprile, Maggioli, Rimini.
    FONTANA A., Lo stress che ci fa bene. Verso una cultura del benessere sul lavoro, Meltemi, Roma 2002.
    FONTANA A., (a cura di) Lavorare con la conoscenza. Soggetti, processi e contesti nell'economia de-materiale, Guerini , Milano 2001.
    FONTANA A., Between subjectivity and inter-subjectivity in a postmodern world, in Encyclopaideia 7/2000.

    Gli autori

    Federico Batini:
    laureato in lettere (Univ. di Firenze) e in Scienze dell'Educazione (Univ. di Siena), Master in Gestione Processi formativi, Phd in Pedagogia e Scienze dell'Educazione (UniversitÓ di Padova); attualmente Ŕ Professore a contratto di Metodi e Tecniche di progettazione nella formazione presso la FacoltÓ di Scienze dell'Educazione dell'UniversitÓ di Firenze, Direttore di PratiKa (agenzia formativa - www.pratika.net) e di NausiKa (consorzio di associazioni culturali), Partner e senior consultant di ThÚlŔme s.r.l. (www.theleme.it), Presidente nazionale di COFIR (www.cofir.net), membro della Segreteria Nazionale del Forum Permanente per l'Educazione degli Adulti (FORUMEDA www.edaforum.it). Tra le ultime pubblicazioni segnaliamo: Scrivere il futuro: manuale di progettazione formativa, Ibiskos, 2002; Foto dal Futuro, Zona, 2002; La scuola che voglio, Zona, 2002; Lo sguardo che carezza da lontano: per una formazione alla relazione di aiuto, Angeli, 2002 (2 edizione); Tra realtÓ e utopia: per un'educazione alla pace, Angeli, 2001; con Renato Zaccaria (a cura di), Per un orientamento narrativo, Angeli, 2000. Ha recentemente contribuito, tra gli altri, al volume Un'altra educazione Ŕ possibile: Forum mondiale dell'educazione, Editori Riuniti, 2002. Ha pubblicato saggi su riviste e volumi, collabora stabilmente alla Rivista dell'Istruzione ed ai Quaderni di Orientamento. Dirige la collana editoriale su formazione, orientamento, consulenza SinergiKa (www.editricezona.it/sinergika.htm).

    Andrea Fontana:
    laureato in filosofia, Phd in Scienze della Formazione; attualmente Ŕ professore a contratto di Scienze dell'educazione degli adulti all'UniversitÓ degli Studi di Milano-Bicocca e redattore della rivista "AdultitÓ". Si Ŕ occupato presso enti pubblici e privati di formazione e sviluppo organizzativo. ╚ autore di testi sulle nuove modalitÓ di ricerca e formazione in campo manageriale e saggi sulla condizione adulta nelle professioni performanti tra cui L'autobiografia in azienda: Percorsi di ricerca e formazione (con E. C. Cassani, Guerini, 2000); Lavorare con la conoscenza (Guerini, 2001); Lo stress che ci fa bene: Verso una cultura del benessere sul lavoro (Meltemi, 2002). Lavora come Senior Consultant in Methodos (www.methodos.com) dal Giugno 2001 dove si occupa di analisi del clima, di formazione manageriale, sviluppo organizzativo e coaching al ruolo.


    Collana Quaderni M@GM@


    Volumi pubblicati

    www.quaderni.analisiqualitativa.com

    DOAJ Content


    M@gm@ ISSN 1721-9809
    Indexed in DOAJ since 2002

    Directory of Open Access Journals »



    newsletter subscription

    www.analisiqualitativa.com