• Home
  • Rivista M@gm@
  • Quaderni M@gm@
  • Portale Analisi Qualitativa
  • Forum Analisi Qualitativa
  • Advertising
  • Accesso Riservato


  •  

    PROGETTO EDITORIALE

     

    1. PRESENTAZIONE DELLA RIVISTA ELETTRONICA


    1.1. Il progetto editoriale dell'Osservatorio dei Processi Comunicativi

    M@gm@, rivista internazionale di Scienze Umane e Sociali, fondata e diretta dal Sociologo Orazio Maria Valastro, è il progetto editoriale dell'Osservatorio dei Processi Comunicativi, associazione culturale e scientifica senza scopo di lucro. La versione elettronica della rivista è basata sul principio del libero accesso.

    M@gm@ è una rivista open access che secondo i principi della BOAI (Budapest Open Access Initiative) permette ai lettori di leggere, scaricare, copiare, distribuire, stampare, ricercare o fare link ai full text dei propri articoli, autorizzando i lettori a usarli per ogni altro scopo consentito dalle leggi.

    La rivista si propone di promuovere gli approcci e le metodologie qualitative, sostenendo una socio-antropologia dell’immaginario simbolico e sociale che coniuga teoria e pratica, approcci teorici e analisi empiriche, concependo l’intervento professionale, la ricerca sociale e la formazione, l’analisi e l’intervento nei contesti sociali e culturali, come osservazione, interpretazione critica e cambiamento partecipato della vita quotidiana.

    L'Osservatorio dei Processi Comunicativi rappresenta un network internazionale di professionisti e ricercatori, docenti e studenti universitari, operatori sociali e culturali. Una rete internazionale di comunità di pratica in lingua italiana, francofona e spagnola, un patrimonio di collaborazioni specializzate nell’ambito delle scienze umane e sociali finalizzate a generare e condividere conoscenze attraverso le attività e le iniziative curate dall’associazione.

    1.2. Uno spazio interdisciplinare di confronto e collaborazione

    La rivista, a carattere tecnico scientifico e professionale, si propone di sviluppare uno spazio interdisciplinare di confronto e collaborazione. Si rivolge agli studenti universitari ed ai dottorandi, ai ricercatori, agli studiosi ed ai professionisti che operano nel settore delle scienze umane e sociali (antropologi, etnologi, formatori, operatori sociali e culturali, pedagogisti, psicologi, ricercatori sociali, sociologi).

    La rivista si propone quindi di sviluppare uno spazio interdisciplinare di comunicazione, riflessione e collaborazione, uno strumento di formazione e perfezionamento che contribuisca alla produzione di conoscenze e pratiche condivise.

    2. LA MISSIONE DEL PROGETTO EDITORIALE

    2.1 I contenuti pubblicati sulla Rivista rimandano nella loro impostazione teorica all’ambito disciplinare delle Scienze Umane e Sociali, si connotano per il taglio metodologico di tipo qualitativo privilegiando un approccio socio-antropologico dell'immaginario simbolico e sociale.

    2.2 La Rivista cura la qualità dei contributi pubblicati.

    2.3 La Rivista tutela i lettori sull’elevato profilo culturale e professionale degli autori dei contributi.

    2.4 Il progetto editoriale si connota per la multidisciplinarietà della sua proposta e promuove la declinazione trasversale di approcci e metodologie dall’ambito sociologico, antropologico ed educativo, a quello filosofico, psicologico e medico, includendo la vasta gamma degli ambiti disciplinari frutto della loro reciproca contaminazione.

    2.5 La rivista vuole rappresentare questo particolare interesse verso gli approcci e le metodologie qualitative, per accedere all'esperienza sociale e comprenderla recuperando quelle dimensioni sociali, mitiche, reali e storiche del pensare e dell'agire, che richiedono una pluralità delle prospettive e degli orientamenti, una lettura transdisciplinare e comprendente connessa ad una socio-antropologia dell’immaginario silbolico e sociale.

    2.6 La rivista si propone infine di coniugare teoria e pratica, approcci teorici e analisi empirica, concependo l'intervento professionale, dalla ricerca sociale agli interventi formativi, dall'analisi all'intervento nei contesti sociali e culturali, come osservazione, interpretazione critica e cambiamento partecipato della vita quotidiana.



    newsletter subscription

    www.analisiqualitativa.com